America Latina Stampa

Progettare e realizzare progetti comuni di valorizzazione, promozione, fruizione e catalogazione del patrimonio culturale peruviano; formare dei giovani sulla catalogazione e archiviazione dei beni mobili, con particolare attenzione a quelli di proprietà della Chiesa Cattolica.
È questo il contenuto della Convenzione di cooperazione interistituzionale che il Consorzio Beni Culturali Italia ha sottoscritto con l’Istituto Nacional de Cultura del Perú, l’Universidad Católica Sedes Sapientiae di Lima e la Conferencia Episcopal Peruana.

La sottoscrizione della Convenzione è avvenuta martedì 24 marzo, in occasione del Foro Perù – Italia. Il Foro è stato organizzato da ICE, IILA, Ambasciate dei due Paesi e Ministeri degli Esteri, e rappresenta un importante momento di scambio di esperienze e di opportunità commerciali, un’occasione preziosa di  dialogo tra il mondo accademico e quello imprenditoriale, realtà che si occupano di cooperazione decentrata e che dedicano ampio spazio alla protezione e la valorizzazione del patrimonio culturale.

La Convenzione di cooperazione è il frutto di un percorso intrapreso dal Consorzio Beni Culturali Italia nel 2003, con la partecipazione ad un Convegno, a Lima, sul ruolo dei progetti culturali come fattore di sviluppo. Ne sono nate collaborazioni stabili che hanno portato all’elaborazione di un progetto internazionale promosso da alcune università dell’America Latina sul tema della formazione.
Parallelamente, il Consorzio Beni Culturali Italia ha partecipato come partner ai Master di formazione internazionale per studenti provenienti da Paesi in Via di Sviluppo, organizzati dall’International Training Center dell’ILO (International Labour Organization).

Dunque una collaborazione che si è andata rafforzando negli anni e che vede nella Convenzione di cooperazione interistituzionale una nuova, più solida base di partenza per la nascita di progetti comuni.
La finalità è quella di promuovere, grazie all’esperienza italiana, la valorizzazione dell’immenso patrimonio culturale peruviano, di contribuire allo sviluppo di un settore economico potenzialmente molto rilevante per l’economia del Paese sudamericano.