Cultural Heritage Stampa

A vocational training project for the Holy Land

Gerusalemme è la città che da secoli rappresenta il luogo santo delle tre religioni monoteistiche. Luoghi, documenti e altre testimonianze ne raccontano la storia e ne rappresentano la memoria.
La salvaguardia e la tutela di questa memoria è uno degli attuali e fondamentali obiettivi della Custodia di Terra Santa, Provincia Mediorientale dell’Ordine dei frati minori.

Hope Onlus, ente non profit che opera in Medioriente attraverso progetti di cooperazione e sviluppo, insieme ad ATS, ONG al servizio della Custodia di Terra Santa, metteranno a disposizione risorse, competenze e organizzazione per realizzare un articolato intervento che si svilupperà, a partire dall’agosto 2009, nell’ambito della specializzazione delle risorse umane all’interno di un percorso di tutela e conservazione di un patrimonio culturale e artistico di inestimabile valore.

Il progetto internazionale è stato elaborato con il supporto di operatori del settore altamente qualificati e in collaborazione con importanti istituzioni accademiche e culturali. Si propone di condividere con la Custodia di Terra Santa il desiderio di offrire un percorso formativo di specializzazione professionale nell’ambito della tutela e conservazione dei beni culturali e artistici e di mettere a servizio della Custodia stessa tali risorse, al fine di realizzare un Ufficio Beni Culturali dedicato alla salvaguardia e conservazione del patrimonio storico e artistico.

Obiettivo è l’avvio di un’attività organica e sistematica di salvaguardia e valorizzazione del patrimonio culturale archivistico, documentario, archeologico, storico e artistico della Custodia di Terra Santa, attraverso una metodologia di lavoro impostata secondo le vigenti normative internazionali del settore dei beni culturali e l’utilizzo dei più adeguati strumenti tecnologici.

Si svilupperà un’azione rivolta alla costituzione di archivi informatizzati e teche digitali, fruibili e consultabili da operatori specialistici, dalla società locale e dal più vasto pubblico.

In particolare s’intende rispondere all’esigenza di promuovere la conoscenza approfondita e documentata della storia della cristianità in Terra Santa e a Gerusalemme, della storia e dell’esperienza della presenza francescana in Terra Santa in otto secoli e dell’opera attualmente svolta dalla Custodia.

Alla base del progetto vi è il desiderio di valorizzare la persona, di stabilire un rapporto armonico, positivo e privilegiato con la comunità locale al fine di favorirne un coinvolgimento attivo ispirato ai valori di sussidiarietà, corresponsabilità e sviluppo sostenibile. Si propone di offrire un tangibile contributo affinchè, attraverso la Custodia di Terra Santa, la presenza cristiana possa coltivare e salvaguardare la propria esigenza di memoria, identità e tradizione in terra di Israele.

Proponente: Hope onlus

Controparte locale: ATS 

Esperti tecnici: Consorzio Beni Culturali Italia, Copat 

Partner del progetto:

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
Università Bocconi
International Training Centre ILO, United Nations
Museo Bernareggi, Diocesi di Bergamo
Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente
Gruppo Clas ricerca e consulenza
Fondazione per la Sussidiarietà
Compagnia delle Opere

Progetto realizzato con il contributo di Regione Lombardia

"A vocational training project for the cultural heritage of the Holy Land" (pdf)